Chip di Elon Musk impiantato per la prima volta nel cervello di un essere umano

Elon Musk, il miliardario fondatore di Neuralink, ha annunciato che il primo impianto umano del dispositivo interfaccia cervello-computer (BCI) della società è avvenuto domenica scorsa, e il paziente sta attualmente recuperando. I risultati iniziali dell’impianto sono promettenti, mostrando la rilevazione dei picchi neuronali.

Il primo trial clinico umano di Neuralink, noto come Studio PRIME (Precise Robotically Implanted Brain-Computer Interface), mira a valutare la sicurezza e la funzionalità dell’impianto N1, progettato per consentire alle persone con quadriplegia di controllare dispositivi con i loro pensieri.

L’impianto N1 è cosmeticamente invisibile una volta posizionato e utilizza 1.024 elettrodi distribuiti su 64 fili, ognuno più sottile di un capello umano, per registrare e trasmettere segnali cerebrali senza fili a un’app che li decodifica.

chip elon musk neuralink

Come funziona il chip di Elon Musk

Il chip di Elon Musk viene posizionato chirurgicamente in una parte del cervello che controlla il movimento da un robot chiamato Robot R1. Lo studio è condotto sotto l’esenzione del dispositivo sperimentale (IDE) concessa dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.

La tecnologia BCI di Neuralink è destinata ad aiutare le persone con paralisi a controllare dispositivi tecnologici come cursori di computer o tastiere e potrebbe avere il potenziale per ripristinare il movimento completo del corpo e altre funzioni in futuro.

L’azienda non ha divulgato l’esatta regione del cervello dove il dispositivo verrà incorporato, l’ospedale che ha dato l’approvazione della commissione etica istituzionale o il numero di partecipanti che saranno arruolati nello studio.

Le persone interessate con quadriplegia dovuta a lesioni del midollo spinale cervicale o sclerosi laterale amiotrofica (SLA) possono registrarsi nel registro dei pazienti sul sito web di Neuralink.

LEGGI ANCHE  Come Risolvere Errore Stampante Epson WF-2510

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Partner links