Come fare il veliero San Pietro e Paolo

come-fare-il-veliero-san-pietro-paolo

Oggi vediamo una tradizione che ormai esiste da molti anni e non solo e che ha, in realtà, una spiegazione scientifica. 

Si tratta di una tradizione che avviene tra il 28 e 29 Giugno, che consiste di porre una bottiglia di vetro piena d’acqua su un prato e nel far colare nell’acqua un albume d’uovo. Vediamo come fare il veliero San Pietro e Paolo.

Come fare il veliero San Pietro e Paolo

Per fare la forma del Veliero, basta lasciare la bottiglia tappata tutta notte all’aperto fino la mattina, l’albume durante la notte, prende la forma di una barca a vela chiamata San Pietro e Paolo. Il risultato va interpretato: i filamenti saranno infatti tali da sembrare una barca di forma variabile e con più o meno vele e alberi, da questo i contadini, un tempo, erano in grado di capire le condizioni del tempo che li aspettava, la più o meno buona annata di raccolto.

Le vele aperte indicavano la venuta del sole, chiuse e sottili, l’arrivo della pioggia. Un veliero formatosi bene prometteva un’ottima annata di raccolto.

Come fare il veliero San Pietro e Paolo Video Spiegazione

 

LEGGI ANCHE  Numero Verde Mediaworld non funziona? Ecco il numero

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *