Amber Heard Johnny Depp trial outfits

Il momento della moda più atteso della sua settimana non è stato il matrimonio di Brooklyn Beckham che è finalmente apparso su Vogue, né l’ultimo “lewk” sul tappeto rosso al festival di Cannes. No, gli osservatori della moda stavano aspettando qualcosa che sarebbe stato molto più sfumato, più sofisticato: cosa diavolo avrebbe indossato Kate Moss per testimoniare al processo per diffamazione del suo ex fidanzato Johnny Depp questa settimana?

Amber Heard Johnny Depp trial outfits

Per i suoi tre minuti sul banco dei testimoni tramite collegamento video per chiarire che “è caduta/è stata spinta?” domanda per le scale (è caduta ), Moss ha armato una camicetta bianca con fiocco maculato. Ma vediamo Amber Heard Johnny Depp trial outfits.

A un occhio inesperto, una scelta del genere potrebbe sembrare un abbigliamento da aula di tribunale perfettamente anodino. Non per Mossy e l’alfabetizzata di moda, però. C’è sempre stato qualcosa di sottilmente sovversivo nel pussybow.

“Storicamente, è associato alle donne che stanno iniziando a invadere gli spazi maschili – il campo da golf, il posto di lavoro – e sfidare i codici di abbigliamento tradizionali”, afferma la dott.ssa Kate Strasdin della Falmouth University.

Amber Heard Johnny Depp trial outfits

È stato reso popolare negli anni ’60 da Coco Chanel , le cui camicette di seta compensano tessuti più maschili come il tweed. Ma fu nel 1966, quando Yves Saint Laurent si appropriò del tailleur pantalone da smoking come abbigliamento da donna per creare Le Smoking, ammorbidendolo con una blusa a fiocco di seta, che si radicalizzò e divenne una dichiarazione di moda femminista.

“Era la prima volta che veniva abbinato ai pantaloni”, afferma Strasdin. “C’era una femminilità diretta ma era ipermascolinizzata”.

Il pussybow degli anni ’60 ha dato alle donne che lavorano in un mondo maschile una versione soft-power di giacca e cravatta (il tuo riferimento: quelle toste di Mad Men Peggy Olson e Joan Holloway). Era un pugno di ferro in un guanto di velluto.

Era anche un elemento chiave nell’arsenale sartoriale di Margaret Thatcher, che secondo quanto riferito lo definì “ammorbidente e carino”.

E come per ricordare al mondo le sue radici ribelli, domenica scorsa Balenciaga ha aperto la sua sfilata Resort 2023 alla Borsa di New York con una modella che indossava una voluminosa blusa a fiocco di raso nero con una maschera in lattice.

La versione di Kate è stata un po’ più educata. Indossandolo con una giacca nera con risvolto in raso, il look era molto Le Smoking: “Ha quasi ricreato quell’iconica immagine [Helmut Newton] del 1966”, afferma Strasdin.

Quindi cosa potrebbe aver detto Kate? Cosa stava sovvertendo?

“Evoca sfida”, afferma lo storico della moda Dr Bethan Bide. «L’arco si sta quasi sciogliendo. Dice che si sta sforzando meno, si sente più ribelle. È come se stesse dicendo: “Non ho intenzione di esibirmi per te qui”. È un rifiuto di consegnare per il circo dei media.

“Kate è bravissima a aggirare quella linea. A prima vista, il suo aspetto è eminentemente rispettabile, ma ha quella vera atmosfera che fornisce quel respingimento.

… dato che ti unisci a noi oggi dall’Italia, abbiamo un piccolo favore da chiederti. Decine di milioni di persone hanno riposto la loro fiducia nel giornalismo senza paura del Guardian da quando abbiamo iniziato a pubblicare 200 anni fa, rivolgendosi a noi nei momenti di crisi, incertezza, solidarietà e speranza. Più di 1,5 milioni di sostenitori, provenienti da 180 paesi, ora ci alimentano finanziariamente, mantenendoci aperti a tutti e fieramente indipendenti.

A differenza di molti altri, il Guardian non ha azionisti e nessun proprietario miliardario. Solo la determinazione e la passione per fornire reportistica globale ad alto impatto, sempre libera da influenze commerciali o politiche. Segnalare in questo modo è vitale per la democrazia, per l’equità e per chiedere di meglio dai potenti.

E forniamo tutto questo gratuitamente, affinché tutti possano leggerlo. Lo facciamo perché crediamo nell’uguaglianza delle informazioni. Un numero maggiore di persone può tenere traccia degli eventi globali che stanno plasmando il nostro mondo, comprenderne l’impatto sulle persone e sulle comunità e trarre ispirazione per intraprendere azioni significative. Milioni di persone possono beneficiare dell’accesso aperto a notizie veritiere e di qualità, indipendentemente dalla loro capacità di pagarle.

Se c’è mai stato un momento per unirsi a noi, è ora. Ogni contributo, grande o piccolo che sia, alimenta il nostro giornalismo e sostiene il nostro futuro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.